Dedicate alla 'zza Pia

 

 Auguri di  Compleanno (1992)

 

Allu 1 ti lugliu ti lu 1930 nascu na beddhra piccinna

la quinta ti sei fili, facci tunna ca pisava 5 chili!

A sta piccinna subitu subitu ni misira li orecchini,

e la chiamara Maria Trisolini.

 

Cu l'anni ca crisciuta la ducazone n'ane tata,

e bb ddintata na cristiana ngarbata.

Sta cristiana tantu devota alla Matonna,

tica sempre l'Ave MAria...

...e di tutti ete la 'zza Pia,

e s' truata cu tanti niputi senza mancu cu ll'essa spuddhrimati.

 

Iddhra si mina a tutt'anne,

la canuscune puru alla chiesa rande,

e finanche all'Albania,

e puru pi quiddhri ete 'zza Pia.

 

Iuta sorsa la rande, frasa lu picciccu,

e iuta puru li vagnuni drocati,

ca rispettu a nui so cchi sfortunati.

 

Certu ca nu picca ti fastitiu l' datu,

e niputisa no si l'era miritatu.

Alla Grazia e allu Salvatore, ca si amane a tutte l'ore,

pi na fiata all'annu ca s'ane isti,

erane tiempi tristi,

iddhru mancu la puta tuccare,

ca nc'era iddhra ca l'era vardare.

Poi tisse: "Hei, Itala mia,

c' aggiu fare propriu la 'zza Pia,

lassamuli scire ddhri vagnuni."

E la Itala rispuse: "pensa alla piccicca chiuttostu,

cu no ssia a mare non ci amu scire mancu allu mese ti agostu.

 

"Pi mie no nci so stati confetti,

 mo zziccu e mi specializzu cu cucinu pezzetti"

Invece t' specializzata a carzoni,

e ni li faci sempre a tutti sti birbaccioni.

Zia Pia, signura no t' maritata,

ma ti li parienti sinti amata,

ti la gente stimata e ti nui tutti rispettata.

 

Si stata e sinti la mamma ti tutti,

ti li belli e ti li brutti,

e signura sia ca tieni nu mantu,

ca mmucci sempre tutu quantu.

 

Ti tamu sempre fastitiu,

puru cinca a parlare cu lu zitu,

e quannu no sapimu a do amu tirare,

a casa tua inimu ca ddo carzoni na fare.

 

Lu sire tua era fabbricatore,

addonca sca fatiava cu tuttu lu core,

mo sapimu ti cinca a pijatu,

ca a tutti bene a donatu.

 

Stasira erame ulutu cu ti festeggiamu e onoramu comu nu santu, e cu ti purtamu a prucissione,

ma poi amu tittu none, ca pisa cchiui ti lu Giannone,

e mancu li fuechi ti sta sparamu,

cu no sia ula quarche faciddhra  e bruciamu lu ranu.

 

Sia, bissuta na festa rranciata,

cu na birra e cu na sunata,

scusane ci ogni tantu ti facimu stizzare,

bene ti ulimu, e perci t ticimu:

Tanti auguri 'zza Pia.

 

 Auguri di  Compleanno (1993)

Sia ca ae ieri quannu l'annu passatu,

allu issire ti la chiesa,

truasti na sorpresa.

Tutti nui ni scusime intra lu cucininu,

e quannu riasti, tanti auguri

ti cantamme intra lu sciardinu.

 

Ddhra sira stame tutti contenti,

e ni accorsime ca ti mancavane li tienti.

Tinivi cuss na bella dentiera,

e facivi puru l'antera.

 

Ti prisciasti tantu quannu ni itisti,

ma rimanisti fiacca ca li calzoni no facisti.

St'annu invece n fattu l'invitu,

e iou sta purtava puru lu "zzitu"...

...Ma no l'aggiu nnuttu ca no l'ha invitatu,

caso mai no mi l'eri trattatu.

 

Ma va bene ah, schirzamu,

ca st'annu no ncete mancu lu Catamu,

e putimu parlare comu ulimu,

e ddo risate nu facimu.

 

N'annu passatu pi tutti nui,

e signura ni tieni unu tu cchiui.

So successe tante cose:

fiacche, bone e beddhre,

no ti critere, puru pi nui caruseddhre.

 

'Nci so stati piaceri e dispiaceri,

ma signura si la stessa...

...e bai sempre ti pressa.

Sinti compita, ordinata e 'ngarbata,

e ddhra pacienza pi la Giovanna ci ti l' data?

Ca tice: "La missa lassare,

e allu bagnu m' purtare!"

Cuss mmucci tuttu, e preghi tantu,

e ogni tantu ti scappa lu chiantu.

 

St'annu stamu ntorna prisciati,

a calzoni n binchiati,

si vede ca ni l'amu miritati!

Prima cu conclutimu, na cosa ticimu:

 

Zia Pia, li tienti no s iddhri,

li rappuli so quiddhri;

e tu s sempre la 'zza Pia...

...pi li "garzoni", pi lu piccinnu ti la Grazia

e quiddhra ti l'Anna Maria...

...e sei la "zitella",

la pi "Brava" e la pi "Bella"!!!

 

Tanti auguri 'Zza Pia.

 

 ...Cronaca di laurea annunciata...

Circa ddo anni arretu, amu canusciuti sti ddo vagnuni, tanti bravi e ngraziati, parane propriu ca erane nnamurati.

Iddhru si chiamava Francescu e iddhra Maria. Ni l' presentati lu Tot Mattia. No sontu ti Veglie, sontu furastieri, iddhru ete ti mera Tarantu e iddhra ti nanzi Napoli, addonca s'ane canusciuti scapuli. E la Itala a Noule l' truati, nu picca prima cu s spusati.

Ti lu matrimoniu loru, la 'zza Pia sta in prima fila tutta pomposa, ca n'era dare li auguri allu sposu e alla sposa. E ti ddhru giurnu ancora sta dice quantu statu semplice e felice!

La Itala poi l' buluti subbra a dd iddhra, ni ole bene e li tratta beddhri: quannu addhrai la puddhrica, addhrai la pignata, addhrai li pizzarieddhri. Li genitori loru stane contenti, ca li trattane comu alli parienti, e stane cchi scucitati ca puru iddhri li calzoni ane pruati.

Sontu quisti vagnuni... Vagnuni? Piccinni... cu nu grande animu ca no meritane nuddhra parola ti biasimu... Iddhru ete educatu... pi quistu face l'educatore, insomma...Ete na specie ti professore, nu picca severu, pirc nci tene sul seriu, cu iuta tutti li vagnuni drocati, ca rispettu a nui so chhi sfortunati.

Certu ca lu Francescu pare propriu cittu e seriu, ma secondu ui ete veru? 'Ncete na canzune ca face: Quannu lu nmonacu si llea lu cappucciu, mamm ci era bruttu, mamm ci era bruttu... Ma quannu lu "Monacu"  rria cu si scatina, mamm ce ti cumbina, mamm ce ti cumbina.

Mo parlamu ti l'Anna Maria, ca ete la persona cchi importante ti la serata. Ete dolce, delicata e di modi raffinata, ete propriu na vagnone, e no ti tae pi nienzi suggezzione. Iddhra sta a casa ca era studiare, pirc tina premura ca s'era laureare. Ma pinzatu la 'zza Pia cu la face divagare!  Quannu addhrai: "Ieni a Santu Roccu ca 'ncete na zzita e a cantare"; e quannu: "Poi ieni a casa mia ca sunare, ca iou ddo calzoni pi li giovani aggiu fare...".

La vagnone tantu ca s' divagata ca 'nc rriata e s' laureata. Tice ca stata brava, discussa na tesi ti folosofia ca Daniela auru ca "Utopia"; e cinca l' giudicata s' murtalatu, e 110 e lode nane tatu.

E la 'zza Pia quannu ntisu cussine, pi la gioia, subitu se misa a chiangire. Cuss li sconosciuti ca "subbra a casa la Itala" si ni s sciuti, ane acquistatu ti tutti la simpatia grazie alla zia Pia; s dintati famosi pi quantu s spassosi, iddhru pi ddhra cantilena "Giona nella balena" e iddhra pi la "pampanella ti la barbatella".

...Insieme a tutti li amici iou auru no bi possu tire:

"Buon e Felice Avvenire!"